A Barbaresco, culla di vini prestigiosi, con una vista stupenda della torre e sulla val Tanaro, c’è la cantina Carlo Giacosa, gestita da quattro generazioni dalla famiglia Giacosa.

Donato Giacosa (papà di Carlo), è stato il fondatore ed ha contribuito con la sua opera di esperto innestatore, svolta in proprio e per altri, alla creazione dell’attuale caratteristico paesaggio di colline coltivate a vite  come un giardino.

Carlo, con la moglie Carla, ha continuato ad intrecciare le proprie radici con quelle delle viti, ha accresciuto l’azienda con scrupoloso impegno verso una qualità sempre più elevata e costante dei vini prodotti. Ora tocca a Maria Grazia Giacosa, l’attuale titolare dell’azienda, affiancata dal papà Carlo e dal figlio Luca.

Durante lo svolgimento di questa storia familiare sono cambiate le tecnologie, gli spazi e le etichette, ma i vini prodotti dall’azienda continuano a vantare, oltre ad un’elevata attenzione alla qualità, il sapore caratteristico e particolare della passione, che si percepisce nel bicchiere e non viene mai a mancare. Condividete il piacere di tanta cura in tutti i vini prodotti, ognuno ha la sua storia da raccontare.

Dal punto di vista viticolo, l’Azienda Agricola Carlo Giacosa dispone di 5 ettari di vigneti, tutti nel comune di Barbaresco e tutti coltivati con vitigni autoctoni: Nebbiolo, Barbera e Dolcetto.

Nel rispetto per l’ambiente, le concimazioni sono limitate allo stallatico e la difesa dai parassiti è condotta in modo ecocompatibile. Le lavorazioni al terreno impiegano mezzi meccanici alternati (fresa, aratro, trincia e zappa) per evitare di compattare il suolo e creare ristagni di umidità. D’estate è fatto il diradamento dei grappoli, con molta attenzione, per equilibrare con intelligenza gli eccessi di produzione.

In cantina, i metodi tradizionali sono supportati dalle moderne tecnologie che consentono fermentazioni in contenitori di acciaio a temperatura controllata, maturazioni adeguate tra legni piccoli e grandi e un uso di solfiti ridotto a circa un terzo dei limiti di legge.

Dalla terra al vetro.

Una storia ad immagini

15 fotografie di Alessandro Allisio per raccontare con le immagini il nostro lavoro dalla terra di Barbaresco attraverso la cantina, l’acciaio, il legno e poi il vetro, fino alla presentazione delle nostre creazioni.